Archivi tag: Windows XP

Da Ubuntu a Windows XP? Difficile tornare indietro :-D

Mi è stato regalato un netbook, un Acer One abbastanza datato.
Era il più economico, probabilmente perché di fabbrica non c’era installato Windows. Ciò nonostante, probabilmente per piazzare l’ultimo pezzo esposto, non solo era corredato di un kit per installare Windows XP, ma c’era un altro Windows XP preinstallato. Che culo, due XP aggratisse. 🙂

Non aspetto altro che installarci sopra Ubuntu, visto che mi è un po’ (tanto) più congeniale. Solo che non ho ancora avuto occasione di acquistare una chiavetta per installare il sistema operativo. Risultato: almeno su questo computer¹ per un po’ userò XP.
Non che mi dispiaccia, l’ho usato per anni. Solo che mi ha dato la possibilità di riflettere meglio sui motivi che ho per non tornare più a Windows. A livello di usabilità, intendo, perché alla filosofia GNU/GPL non credo rinuncerei mai. Per niente al mondo.


Ubuntu contro XP

Ubuntu contro XP

Windows XP

Come quando ho sempre acceso XP per la prima volta, sia che fosse il mio o di un cliente, ho notato subito i programmi accesi inutilmente. Avendo 512 MB di RAM il netbook (8 mangiati dalla scheda video) la lentezza mostruosa dovuta a tali programmi si notava. E non poco.
Eliminati tutti i programmi e i servizi a me inutili − visto che lo uso come sistema monoutente ho tolti i servizi che servono per il multiutente, e i programmi li ho identificati tramite Spybot Search and Destroy − ho incominciato ad usarlo.
Internet Explorer 7 era leeeeentiiiiissiiiiiiimoooooo. Sostituito con la versione 8 ha incominciato a funzionare in modo decente, anche se il menu si vede tutto nero…

Lo strano menu "oscuro"

Dopo qualche giorno di sofferenza², ho eliminato l’antivirus. Non lo reggevo più…

Adesso la navigazione è decente, ma non riesco a fare nient’altro. Non riesco ad esprimere il massimo delle mie potenzialità.

Ubuntu

Il motivo iniziale per cui ho cominciato ad usare Ubuntu è stato prettamente venale: il costo.
Volevo mettere un PC in più nella vecchia sede del negozio ed avevo già un vecchio PC disposto ad entrare, solo che non volevo spendere nella licenza di Windows.
Da allora Ubuntu è maturato di parecchio, tanto che lo consiglio a molti dei miei clienti. Quei pochi che sono passati ad Ubuntu si sono trovati bene. Mi pare…

Cosa mi è mancato

Dei programmi di cui ho sentito la mancanza molti sono presenti anche in Windows, ma con funzionalità ridotte o con installazioni complicate.

  1. La prima cosa di cui ho sentito la mancanza è apt (apt-get e synaptic). La semplicità dell’installare i pacchetti dai depositi è impressionante. Mi pare, infatti, che stiano cercando di implementarlo nella versione successiva a Windows 7. Insomma per ora non c’è nulla di simile, o comunque non a quel livello.
  2. Non c’è un editor di testo semplice avanzato a la Vim.
  3. La copia di dispositivi fisici come file tramite dd. È possibile anche con Windows, ma non è proprio la stessa cosa. . . Non si possono incanalare comandi uno dietro l’altro. Ottenere lo stesso risultato di dd if=/dev/sda |nc 192.168.1.123 12345 su un computer e nc -l 12345|lzop > disco.raw … Non c’è paragone.
  4. L’inserimento dei caratteri speciali tramite il tasto compose e le combinazioni di AltGr+letteraqualunque. Mi è stato detto che c’è un programma apposta, ma in Ubuntu non devo installare niente, e le combinazioni di compose possono anche essere modificate³.
  5. La possibilità di creare e modificare i pacchetti software facilmente. È sicuramente più facile creare un pacchetto l’installer della nullsoft che un pacchetto Debian, me ne rendo conto. Ma modificare un pacchetto nullsoft non credo sia alla portata di tutti. Creare un pacchetto Debian da sorgenti già debianizzati è una sciocchezza4.

Insomma, è veramente difficile per me rinunciare ad Ubuntu!

Edit (ven ago 14 23:20:31)

Altri programmi che non ho trovato su Windows sono gimp e pidgin con bonjour.
Ci sono, come c’è anche il Vim che ho citato sopra, ma non proprio come vorrei io.
Sono tutti programmi basati sulle librerie GTK2, le librerie su cui si basa Gnome. Ogni versione di questi programmi installa l’ultima versione di quel momento delle GTK2, col risultato di avere più installazioni delle librerie. Nel caso di apertura di più applicazioni ci sarebbero più GTK2 caricate in memoria. Insomma preferisco usare uno Gnome con le librerie già utilizzate da altri programmi che avere più installazioni di GTK2 caricate contemporaneamente.

Last but not least, il copia e incolla col tasto centrale. In Ubuntu è abbastanza selezionare un testo per copiare e cliccare col centrale per incollare… Non comodo, di più!!!

Note

1. L’ho usato per scrivere almeno fin qui.

2. Mia…

3. Anche perché non so cosa farmene dell’inserimento avanzato delle lettere accentate con compose…

4. Basta anche solo prendere “in prestito” la patch dal deposito ufficiale di Ubuntu. 😛

Entrambi i simboli dei sistemi sono marchi registrati dei rispettivi proprietari.

La licenza della prima immagine è CC-BY-SA.

Fonte del logo di Windows.